SPAGNA COSTA BLANCA - PARED DE LEYVA: arrampicate scelte

Scaricare SPAGNA COSTA BLANCA - PARED DE LEYVA: arrampicate scelte Gratis

La Pared de Leyva nel quadro generale dell'arrampicata spagnola ha una tipicità tutta sua. Si trova al centro della Serra de Espuna, un gruppo montuoso che si trova direttamente a sud ovest di Murcia e che ha un’altitudine media superiore ai 1000 metri, sufficientemente elevata per non far patire troppo il caldo anche nelle stagioni intermedie ma non troppo elevata da non consentire di arrampicare tutto l’anno, complice anche una esposizione a sud ed un’insolazione che è piena dall’alba al tramonto. Leyva è una formazione alta solamente 150 metri ma si innalza diritta dalla base alla cresta sommitale. Si arrampica dal primo all’ultimo metro fra placche grigie e gialle e strapiombi, sempre su roccia ottima e con esposizione elevata. Lunga alcune centinaia di metri concentra nella sua parte centrale le perle migliori. Quelle qua raccolte sono solo alcune delle possibilità offerte dalla parete, le più classiche e frequentate e anche le più facili. Altre linee, di livello decisamente superiore attendono solamente dita sufficientemente forti da stringere i piccoli appigli che offrono. La Spagna negli ultimi anni posteriormente la comparsa dei voli low cost è diventata una meta molto gettonata per gli arrampicatori italiani. Sulle tracce di inglesi e tedeschi che in altezza su queste rocce svernano da ormai molti anni perfino noi italiani abbiamo beccato l'abitudine di passare dei periodi di ferie invernali al caldo ed asciutto clima spagnolo. Ma viceversa per le falesie si sono sprecati racconti ed relazioni per quanto riguarda le vie lunghe, ciò mondo di roccia il quale spazia dalle vie sportive a quelle alpinistiche, costruiti in cui i tiri non sono messi a fianco uno all'altro ma avvengono messi in sequenza taluno sopra l'altro poco altrimenti nulla si sa ed quel poco raramente parla in italiano. Qualche articolo di rivista, qualche notizia, magari per posti del nord della Spagna come Riglos o i più estivi Picos d'Europa. Per il resto sembra che l'Iberica penisola offra solo pareti di pochi metri tali da non essere prese in considerazione dagli arrampicatori alpinisti, quelli per cui più che il grado conta la linea, più che il gesto conta il viaggio. Quelli che non vogliono finire una via contro una catena ma che vogliono vedere cosa c'è dietro la parete e sedersi in cima dopo essersi stretta la mano. Un vecchio "Momenti di Alpinismo", glorioso supplemento della gloriosa, anche perché prima e all'epoca unica, rivista di alpinismo, Rivista della Montagna, gelosamente custodito nel cassetto per un ventennio o anche aveva un articolo che si apriva con una foto di un pezzo di roccia illuminato dal tramonto contro il mare Mediterraneo, bagnato dal mare Mediterraneo. Il pezzo di roccia in controversia è il Penon de Ifach e la propria altezza misurata in metri fa 333 circa... discretamente alto per aver brama di andare a notare se quella foto ed quelle descrizioni racchiudono un mondo di roccia ove passare le vacanze invernali al caldo. Ne dicono che sia nato un amore immenso che mi ha aspirante a tornare svariate di solito. A ricercare letteratura ed bibliografia in lingue straniere. A ripercorrere le tracce di arrampicatori spagnoli qualche volta sconosciuti, a volte talmente famosi da riempire con i loro nomi i sogni di generazioni vittoria alpinisti. La Spagna dicono che sia una roccia continua. Quando la si percorre lo sguardo si perde di continuo su conformazioni rocciose di enorme bellezza e svariata grandezza. E che roccia. Di una qualità altissima. Aggiungete a questo il clima perfetto per arrampicare in felpa o maglietta quasi sempre in inverno, la frequentazione parca. I costi e la logistica favorevoli. Vie di tutti i tipi e per tutti i gusti quasi sempre velocemente raggiungibili. Pareti dai 100 ai 500 metri, ma anche di più, sparse in un raggio di 150 km. Volendo la possibilità di fare il tuffo del primo dell'anno in assenza di rischiare un assideramento in altezza su spiagge di sabbia bianca senza folla. C'è ne è abbastanza per innamorarsi e ritornare. Tutto presente è la Costa Blanca. La provincia di Alicante con un pezzo ancora oggi provincia di Murcia


Categoria: Escursionismo e attività all'aperto

Dettagli

Editore

Independently published

Lingua

Italiano

ISBN

9781973534365

Pubblicazione

2017-12

Autore

marina vuerich

6 commenti per "SPAGNA COSTA BLANCA - PARED DE LEYVA: arrampicate scelte"

  1. avatar1

    Luca Milani

    GRAZIE!

  2. avatar2

    Matteo Carletti

    Molto bene l'ho trovato! il prossimo fine settimana inizio a leggerlo :)

  3. avatar3

    Anabele

    Come viene scaricato? Non riesco a trovarlo :S

  4. avatar4

    Andrea Caccini

    Facile da scaricare, ma un po 'fastidioso da registrare ...

  5. avatar5

    Antonella Parisi

    Mi è piaciuto molto questo libro, lo consiglio a tutti!

  6. avatar6

    Romeo

    L'ho avuto fisicamente molto tempo fa e l'ho perso, volevo rileggerlo ma non volevo pagare di nuovo. Grazie!

Aggiungi un commento

Tags:

Scaricare SPAGNA COSTA BLANCA - PARED DE LEYVA: arrampicate scelte, SPAGNA COSTA BLANCA - PARED DE LEYVA: arrampicate scelte epub gratis, SPAGNA COSTA BLANCA - PARED DE LEYVA: arrampicate scelte pdf gratis, SPAGNA COSTA BLANCA - PARED DE LEYVA: arrampicate scelte ebook gratis, SPAGNA COSTA BLANCA - PARED DE LEYVA: arrampicate scelte online gratis